Anche a bassi livelli bisogna fare sul serio

di Marco Carta Commenta

Bisogna fare sul serio quando si parla di poker anche se si gioca a bassi livelli. È questo quello che dice Alec Torelli raccontando il caso di Eduardo, un ragazzo che gli ha raccontato di avere problemi a giocare a poker online per via del fatto che non riusciva a prendere il gioco seriamente perché giocava a bassi livelli. 

Eduardo ha detto che sicuramente ha le skills per battere gli avversari dello stesso livello, tuttavia con piatti molto bassi e avversari che non sono alla sua altezza, alla fine capita che perde ogni stimolo anche di trovare strategie adeguate e verificare teorie quotate. Alec Torelli racconta questa storia a Italian Poker Club perché anche lui ci è passato e spiega:

poker_0

“Avrei potuto rispondergli che effettivamente a quei livelli non è necessario, basta giocare un ABC game per vincere, ma ho voluto andare più in profondità. -risponde Alec- Ecco i miei consigli per riscoprire il divertimento, la competizione e l’attrazione per il poker.”

“Questo succede quando sottovaluti il gioco, non riesci a prendere il poker seriamente quando quei 5, 10 dollari che giochi sai benissimo di poterli trovare da qualche altra parte senza difficoltà. Anche se perdi questi soldi o l’intero bankroll sai che potrai ritrovare quei soldi in fretta e ricominciare. Questo atteggiamento incerto, che può portare ad un ciclo continuo di ricariche, ti tiene lontano dalle partite più competitive che potresti fare.”

“Vi racconto una storia: quando ho cominciato a giocare avevo esattamente lo stesso approccio, anche se giocavo a limiti decenti. Sapevo che ci sarebbe stato sempre qualcuno che mi avrebbe prestato soldi, amici con cui giocare, persone che mi comprano quote, o anche i soldi che stavo facendo con un’altra attività. Erano gli inizi, io ero molto giovane e vincere era molto facile. Consideravo il poker online un po’ come il mio bancomat. Bastava giocare qualche ora e potevo ritirare i soldi per comprare qualsiasi cosa volessi, viaggiare dove volessi. Davo i guadagni per scontati, e non apprezzavo né rispettavo i soldi che giravano, la competizione di giocare. Non mi pesava perdere perché sapevo che ci sarebbe stato sempre il giorno dopo.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>