Phil Ivey svela qual è il suo torneo preferito. Ma è davvero il più ricco?

di Marco Carta Commenta

Il torneo preferito di Phil Ivey tra tutti i circuiti live, qual è? Magari tanti appassionati di poker se lo stanno chiedendo. Phil, in un’intervista placa tutti i dubbi e spiega come mai il torneo in questione ha così tanto successo. Poi l’annuncio di puntare però sul Super Bowl. 

Tutte le risposte sono in questa intervista che vedete di seguito e vi consigliamo di ascoltare attentamente.

Noi abbiamo provato a porci un’altra domanda: è davvero lui il giocatore più ricco di sempre? La risposta è difficile perché è molto complicato tracciare le ricchezze dei poker player. Certo è che lui ha fatto tanta strada da quando giocava online e si dedicava al telemarketing. Una rivista del settore, comunque, ha provato a tracciare l’elenco dei giocatori di poker più ricchi di sempre:

Phil Ivey. Adesso il suo patrimonio ammonta infatti a 100 milioni di dollari.

Non è messo male neppure Doyle Brunson che, grazie alle carte e a tutto quello che ha fatto nell’industria del gaming, può contare a 82 anni su un patrimonio di 75 milioni di dollari.

Sul podio, comodo coi suoi 50 milioni, troviamo anche il pro di PokerStars Daniel Negreanu, che distacca di ben 18 milioni la sorpresa del gruppo, ovvero il suo connazionale Jonathan Duhamel: il campione WSOP dispone di 32 milioncini.

Appaiati a 20 milioni, invece, Phil Hellmuth e Antonio Esfandiari, mentre il 68enne Mike Sexton, per la sua ‘pensione’, ha un patrimonio di 10 milioni, ottenuto dal 1985 a oggi, cioè da quando si è trasferito in pianta stabile a Las Vegas e ha fatto del poker, giocato e non, il suo lavoro.

Possono contare su cifre diverse – seppur si parli di persone che non fanno del poker la loro professione – Guy Laliberte e Dan Bilzerian: il proprietario del Cirque du Soleil ha un patrimonio di 1.800.000.000$, mentre l’eccetrico ‘figlio di papà’ lo ha di 150 milioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>