Il poker può diventare un lavoro?

di Marco Carta Commenta

Il poker è da considerare prima di tutto una passione e poi anche un lavoro ma c’è chi è riuscito prima di altri a trovare un modo per passare dall’uno all’altro ambito senza alcuna fatica, anzi, con molto divertimento. 

Il poker in sala e a casa è un terreno ancora da esplorare, diverso è il caso del poker online che sta raccogliendo un sacco di successi e fa temere una nuova esplosione del fenomeno. Sappiamo che saper giocare online quando non si conoscono gli avversari, può dare seguito a vincite che non ci dicono niente sulle reali capacità di gioco del singolo.

poker soldi  3

Ferma restando la validità di questa lunga premessa riportiamo un passaggio di un articolo apparso su Voci di Città dove si spiega come passare dalle sale virtuali per gioco alle sale virtuali per lavoro. Il punto che forse interessa tutti è la possibilità di guadagno:

Un giocatore di poker professionista lavora al tavolo verde, ovvero intende il poker come la professione che gli permette di vivere. Nel mondo ci sono pochi e conosciuti campioni di poker e gli eventi legati alle partite internazionali sono dei veri propri show televisivi, trasmessi dalle reti più importanti e seguiti da milioni di persone in tutto il mondo. Il gioco diventa in questo caso una vera propria professione, ma chi opera nel poker da professionista può contare anche su sponsorizzazioni e sulla partecipazione ad eventi e su business collaterali. Chi invece lavora con il poker a livelli un po’ meno stellari può arrivare a guadagnare dai 3 mila agli 8 mila euro al mese, ma attenzione, perché non si tratta di soldi facili. I semi professionisti riescono a guadagnare anche 12 mila euro al mese, ma cifre del genere possono essere raggiunte solo dopo anni di formazione e di esperienza maturata sul tavolo da gioco. Formazione ed esperienza vanno di pari passo allo studio, perché spesso i professionisti non si basano sulla pura fortuna e mai sulle coincidenze, ma sullo studio della matematica e della statistica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>