“Nun me callà”, il video-tormentone dell’Ept di Sanremo

Gli appassionati di Poker Sportivo si aspettavano qualcosa in più dall’Ept di Sanremo 2009, come ha giustamente osservato Giorgio Caroli nell’articolo dedicato al tavolo finale dell’evento che ha visto prevalere l’olandese Constant Rijkenberg. Tra un mese o due ricorderemo forse solo il nome del vincitore, il numero del partecipanti e qualche piccolo aneddoto legato alla manifestazione.

Ma il particolare che sicuramente non dimenticheremo è il video realizzato con la partecipazione di molti personaggi del Poker Sportivo, che si sono divertiti a vestire i panni di cantanti (non per niente stiamo parlando della città della musica), per dilettarci con le loro esibizioni vocali.

Il video trae ispirazione dalla “Sincerità” di Arisa (prima nella sezione giovani dell’ultima kermesse festivaliera), sull’onda delle tante parodie apparse sul web nei mesi scorsi. Nasce così “Nun me callà”, che usa uno dei termini friendly del poker, tradotto poi in versione romana.

Un’idea simpatica alla quale hanno aderito volentieri il professor Crapanzano, Francesco Nguyen, Marco Traniello, Carla Solinas, Albi64, Salvatore Bonavena, Cristiano Blanco, Dario Minieri, Ricky Lacchinelli, Biccio Ascari, Noodles&Roby, Stee, Yaya, Pizzo e l’ex gieffina Carolina Marconi. Gustatevelo da cima a fondo ed unitevi anche voi al tormentone del Nun me callà!

Il Bluff di Scotty Nguyen

Il Texas Hold’Em è un gioco di abilità, ed il tutto sarebbe riconducibile a semplici regole matematiche.
Ma, c’è un ma, e questo Ma è il Bluff, che permette di aggiungere a questo gioco non solo sale, ma anche pepe e tutte le spezie possibili per rendere il “piatto” ancora più profumato. Ed è per questo che quando si parla di campioni, non si parla di cervelloni, di supercomputer umani, ma di giocatori come il grande Scotty Nguyen, in grado di prendere per i fondelli Humberto Brenes, dando spettacolo, e dando vita ad un siparietto davvero simpatico.
Non vi anticipo nulla, godetevi il video.

Gus Hansen non si smentisce

Quando è seduto al tavolo Gus Hansen, qualsiasi carta può uscire, anche quelle impossibili.
E’ per questo che quando si trovano faccia a faccia con lui, magari in All In, gli avversari sembrano affidarsi al cielo.
E’ la volta di Jeff Madsen, baciato dalla fortuna, ma solo per qualche istante! Vediamo.