Phil Laak intervistato da Dan Cypra parla del Big Game e di Montecarlo

di Redazione Commenta

Il più celebre giornalista dei tavoli verdi Dan Cypra è riuscito a braccare il grande Phil Laak in una pausa a Londra, poco dopo il Big Game organizzato da PartyPoker: poteva lasciarsi scappare questa occasione d’oro per piazzargli qualche bella domanda?

Vi riproponiamo quindi l’intervista di Cypra al famoso Unabomber, che non si è certo tirato indietro ed ha risposto volentieri a tutti i quesiti del giornalista.

Dan Cypra: Sei rimasto bloccato a Londra per via della nube vulcanica?
Phil Laak: Dovevamo tornare in America giovedi scorso, ma poi è successo il fatto del vulcano e siamo rimasti intrappolati per 6 giorni. Ora siamo prossimi a Montecarlo e avremmo sempre voluto andarci. Questa quindi è stata la “divina provvidenza” e parteciperemo anche noi. Il tutto si è trasformato in un lungo viaggio.

Dan Cypra: Isildur1 è stato il grande assente dal PartyPoker Big Game IV, deludendo le attese dei tanti fans all’ultimo minuto. Questo ha tolto appeal allo show?
Phil Laak: Ci avrei scommesso $20,000 con chiunque che non si sarebbe presentato. Perché mai avrebbe dovuto farlo e tutto d’un tratto rivelare la sua identità al mondo? Lo Stato svedese avrebbe bussato alla sua porta il giorno dopo per farsi pagare le tasse. Comunque la partita non ha perso interesse. La notte prima non sono riuscito a dormire affatto. Ho cercato di fare dei pisolini da 10 minuti durante le pause. Ho giocato a fasi alterne mixando un po’ il mio gioco. Ho seguito uno schema da scuola elementare: se punti e foldano hai vinto il pot; se punti e callano è meglio che le tue carte si accoppino col board.

Dan Cypra: La tua dolce metà, Jennifer Tilly, è stata la seconda maggior vincitrice alla fine del Big Game, dopo David “Viffer” Peat. Questo ti rende orgoglioso?
Phil Laak: Jennifer ha giocato per 9 ore vincendo ₤32,975. Questo significa ₤3,664 all’ora, ben superiore alla media di Viffer. Io ho vinto ₤562 all’ora e sono stato il 5° miglior vincente.

Dan Cypra: Hai avuto delle buone performance in eventi televisivi. Che ci dici a riguardo?
Phil Laak: Il poker in Tv è una cosa strana. Devi cercare di avere dei pot vincenti quando sei sotto l’obiettivo. Ogni volta che ho la telecamera addosso vinco. La maggior perdita della mia vita è successa il 4 settembre 2009. Persi $270,000 in un giorno. Mi chiesi quanto tempo ci sarebbe voluto per recuperare quei soldi. Un mese dopo ho vinto il PartyPoker World Open e $250,000.

Dan Cypra: Che ci dici circa il tuo nuovo sito online Unabomber Poker?
Phil Laak: La cosa che mi piace è che le carte hanno il dorso con questo loghetto simpatico con gli omini incappucciati. Non so dirti se è perché mi rappresentano o penso solo che siano fighi, ma comunque mi piacciono.

Dan Cypra: Quale giocatore online rispetti di più?
Phil Laak: Occasionalmente guardo dei video delle scuole di poker e mi rammarico sempre di non seguirne di più. Ti fanno pensare al modo in cui vincere a poker. Stavo guardando i video di Phil Galfond sul Pot Limit Omaha e sono meravigliosi. Quando guardi un video, è come una fase di meditazione al termine della quale ne esci con dei poteri speciali. Dopo quando giochi è tutto più facile. Mikey Stotz poi credo abbia il miglior blog della rete.

Dan Cypra: Quale sarà la tua partecipazione alle World Series of Poker quest’anno?
Phil Laak: Nel 2008 e 2009 ho giocato 7 e poi 11 eventi rispettivamente. Credo che 11 tornei sia il massimo che possa sostenere. Penso di tornare ai vecchi tempi quando giocavo tra i 4 e i 7 tornei e giocherò decisamente più partite cash. Se ci saranno degli eventi televisivi da $10,000 parteciperò di sicuro, ma preferisco sedermi con altri 8 giocatori e cercare di fare il colpaccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>