La dipendenza si può arginare, la storia di Leonardo – video

di Marco Carta Commenta

Il poker è un bellissimo divertimento, un buon gioco per allenare la memoria e stimolare l’ingegno strategico ma a volte prende la testa oltre che prendere la mano e la dipendenza è dietro l’angolo. Lo hanno raccontato diversi ragazzi alla Festa dell’Indipendenza di Bologna. 

4-festa_indipendenza

Questo il programma dell’intensa giornata di oggi ma quel che più interessa, senza fare troppi giri di parole è la storia di chi ha toccato il fondo per poi rialzarsi. Gente che adesso riesce a stare a testa alta, lontano da ogni dipendenza.

La storia di Leonardo, 26 anni; ha vissuto il dramma della dipendenza dal gioco ed oggi è riuscito a riprendere in mano la sua vita. Quasi novecentomila, secondo il ministero della Sanità, sono i giocatori d’azzardo patologici nel nostro Paese. Un italiano su due (il 54%) afferma di aver giocato almeno una volta nella vita. Tra i “vecchi” biglietti della lotteria, le scommesse sportive, i “Gratta e Vinci” al tabacchino, le slot machine dilaganti in molti esercizi pubblici e i nuovi giochi online la tentazione è ovunque. Si gioca con l’illusione di cambiare vita ma anche per provare un’emozione diversa, regalarsi un’evasione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>