Blocco per gli utenti italiani su PokerStars.com

di Biamitika 2

I poker players ormai erano pronti a questa notizia, che balenava in rete da mesi: da ieri – lunedì 27 Luglio 2009 ore 21:00 – PokerStars.com ha chiuso i battenti per gli utenti italiani, costretti a migrare sui tavoli virtuali della poker room .it.
Con una mail spedita a tutti i clienti, PokerStars ha annunciato la novità, sollecitando gli utenti ad effettuare il trasferimento dell’account e degli eventuali fondi tramite una funzione aggiunta appositamente al software sotto “richieste” > “passa a PokerStars.it”.
C’è amarezza tra i tanti rounders del .com, che avevano scelto questo tipo di piattaforma proprio per l’offerta di partite cash games e i tornei dai buy-in molto più sostanziosi rispetto a quelli concessi sulle poker rooms.it, senza contare la possibilità di partecipare a numerosi tornei milionari e satelliti per i grandi eventi live che continueranno a far sognare i pokeristi di tutto il mondo tranne noi italiani.
Viene ora da chiedersi quanto tutto questo sia effettivamente dovuto all’adeguamento alla nuova legge italiana, dal momento che quando quasi un anno fa è stato firmato lo schema di convenzione il passaggio degli italiani al .it era già previsto, questo lungo periodo di transizione durato mesi è stato solo una gentile concessione da parte del governo locale.
In aggiunta ci chiediamo: come verrà fatta la conversione al passaggio del conto dal .com in dollari a quello .it in euro? Per chi ha pochi dollari il problema potrebbe essere marginale, ma per quelli che hanno vinto premi sostanziosi anche il cambio potrebbe suscitare qualche preoccupazione.
Lasciando dubbi e domande aperti per le riflessioni personali, pubblichiamo di seguito il testo della mail spedita agli utenti di PokerStars:

I poker players ormai erano pronti a questa notizia, che balenava in rete da mesi: da ieri – lunedì 27 Luglio 2009 ore 21:00 – PokerStars.com ha chiuso i battenti per gli utenti italiani, costretti a migrare sui tavoli virtuali della poker room .it.

Con una mail spedita a tutti i clienti, PokerStars ha annunciato la novità, sollecitando gli utenti ad effettuare il trasferimento dell’account e degli eventuali fondi tramite una funzione aggiunta appositamente al software sotto “richieste” > “passa a PokerStars.it”.

C’è amarezza tra i tanti rounders del .com, che avevano scelto questo tipo di piattaforma proprio per l’offerta di partite cash games e i tornei dai buy-in molto più sostanziosi rispetto a quelli concessi sulle poker rooms.it, senza contare la possibilità di partecipare a numerosi tornei milionari e satelliti per i grandi eventi live che continueranno a far sognare i pokeristi di tutto il mondo tranne noi italiani.

Viene ora da chiedersi quanto tutto questo sia effettivamente dovuto all’adeguamento alla nuova legge italiana, dal momento che quando quasi un anno fa è stato firmato lo schema di convenzione il passaggio degli italiani al .it era già previsto, questo lungo periodo di transizione durato mesi è stato solo una gentile concessione da parte del governo locale.

In aggiunta ci chiediamo: come verrà fatta la conversione al passaggio del conto dal .com in dollari a quello .it in euro? Per chi ha pochi dollari il problema potrebbe essere marginale, ma per quelli che hanno vinto premi sostanziosi anche il cambio potrebbe suscitare qualche preoccupazione.

Lasciando dubbi e domande aperti per le riflessioni personali, pubblichiamo di seguito il testo della mail spedita agli utenti di PokerStars:

Caro/a xxx,

Ti ricordiamo che per adempiere agli obblighi derivanti dalla legge nr.88 del 7 luglio 2009 che entrerà in vigore il 29 luglio, nelle prossime 24 ore PokerStars bloccherà l’accesso al software PokerStars.COM dall’Italia. A partire dal 27 luglio 2009 ore 21:00 avrai solo la possibilità di giocare su PokerStars.it, piattaforma riservata ai cittadini/residenti italiani e provvista della concessione AAMS. Per rendere il passaggio a PokerStars.it il più semplice possibile, abbiamo aggiunto una nuova funzione del software sotto Richieste>Passa a PokerStars.it grazie alla quale potrai convertire il tuo account PokerStars.com

Per maggiori informazioni sul passaggio a PokerStars.it clicca qui

Tutte le risorse del tuo account PokerStars.com quali USD $,T$,W$,FPP, bonus in corso, ticket con valore in denaro verranno convertite in Euro secondo il tasso di cambio corrente ed accreditate sotto forma di bonus su PokerStars.it come Tournament Euros (T€). Se preferisci prelevare tutti o solo parte dei fondi presenti sul tuo account PokerStars.com prima di convertirlo, potrai farlo direttamente attraverso la funzione ‘Cassa’. Potrai anche trasferire il tuo status VIP ed i tuoi VPP mensili/annuali accumulati fino a quel momento.

Ti ricordiamo che, qualora non avessi ancora usufruito del Bonus sul primo deposito di PokerStars.it, o ne avessi usufruito soltanto parzialmente, i fondi trasferiti in questo modo saranno conteggiati ai fini del Bonus del 100% sul primo deposito fino a €400.

Su PokerStars.it avrai l’opportunità di partecipare all’Italian Championship of Online Poker (ICOOP), immancabile serie di tornei che si terrà a fine Settembre con un montepremi totale garantito di 1 Milione di Euro e ai tornei dell’Italian Dream dove mettiamo in palio una meravigliosa Lamborghini Gallardo LP 560.

Potrai sfidare i giocatori dei Sit&Go nella Battaglia dei Pianeti, vincere ricchi premi grazie alla Classifica dei Tornei, addentrarti nelle leghe dell’Italian Poker League e qualificarti per tutte le tappe del prestigioso European Poker Tour e del nuovissimo Italian Poker Tour. Potrai anche incrementare il tuo bankroll senza rischiare un centesimo grazie ai numerosi freeroll giornalieri! PokerStars.it è anche il sito dove ogni domenica, alle 17 :00 CET, si svolge il più ricco torneo di poker online in Italia: il Sunday Special, che tutte le settimane mette in palio un montepremi garantito di €100.000 e nel quale potrai trovare spesso ai tavoli i due membri italiani del Team PokerStars Pro Dario Minieri e Luca Pagano.

Ci vediamo ai tavoli,

Luca Pagano

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>