Il Poker degli insuccessi

di Luciana 2

Tutti vi insegnano a vincere ma nessuno che vi spiega mai come perdere. Esattamente, avete letto bene. Gli insuccessi hanno molto valore e in qualsiasi campo, e così anche nel gioco del Poker. Può sembrare che perdere sia facile ma non è così, anche lì vi è un criterio e forse vi starete chiedendo che oggi noi siamo impazziti a scrivere queste cose. Ma vogliamo farvi capire bene alcuni significati fondamentali che pochi di voi vedono e apprezzano.

Sottolineamo che vincere è la miglior cosa, ma aggiungiamo anche che senza una svariata lista di perdite in passato, difficilmente forse si arriva al podio. Le situazioni non sono tutte uguali e c’è chi ha vinto tornei dichiarando che era il primo che giocava e in quel caso che sia stata fortuna o abilità è tutto da verificare. Sbagliando si impara, e questo proverbio lo conoscono tutti, e nel Poker è fondamentale e alla base del successo.

Quello che vogliamo farvi capire è che perdere con dignità, giocando bene e risultando combattivi, può avere lo stesso valore e appagamento di una vincita, per il semplice motivo che voi siete lì a dare tutto il meglio di voi stessi. Questo tipo di insuccesso è lodevole, a differenza di chi perde solo perchè non si applica con grinta e metodo.

Pensate al fatto che perdendo riuscite a capire meglio delle particolari situazioni, il vostro modo di pensare e agire, i vostri sbagli, i comportamenti di vari avversari e tanto altro. Queste esperienze aiutano a migliorarsi e ad essere più abili nel gioco. Nel Poker si può perdere azzardando, affidandosi alla fortuna, per aver giocato male o per aver giocato bene ma con carte inferiori all’avversario. Mettete da parte l’orgoglio quindi, non demoralizzatevi e analizzate bene i vostri movimenti.

Perdere è il miglior allenamento di gioco, ovviamente senza esagerare e deve farvi acquistare più forza e qualità nelle strategie. Nello sport conta esserci con valore, oltre che vincere. Voi sapete perdere?

Commenti (2)

  1. la teoria sarebbe che bisogna imparare dai propri errori….la pratica che per poter imparare dagli errori non bisogna rischiare di cadere dall’alto ma rimanere in bankroll….SEMPRE!

  2. Giusto Albenci, hai colto in pieno il significato!
    Perdere si, appunto, ma non esagerare a fallire completamente e darsi sempre un criterio.

    Luciana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>