Libri del poker: “The Book of Bluffs” di Matt Lessinger

di Biamitika Commenta

Tra i tanti libri essenziali nella nostra personale biblioteca pokeristica non può certo mancare questa chicca di Matt Lessinger, un libro unico nel suo genere, che esamina il poker attraverso uno degli aspetti fondamentali di questo meraviglioso gioco, il bluff.

“The Book of Bluffs” quindi non si sofferma sulle mani fornendone una impersonale descrizione, ma va ad analizzare quella parte nascosta che spesso rimane fuori dai discorsi dei professionisti, sebbene sia una componente essenziale.

Matt Lessinger prova a raccontare la sua visione del poker sullo stile di Mike Caro, usando un argomento secondario che lo aiuta a spiegare il gioco da un nuovo punto di vista e permettendogli di accompagnarci in questo viaggio nel poker seguendo nuove vie.

Il libro analizza la maggior parte dei bluffs riferendosi al Poker Texas Hold’em, con una piccola parentesi anche sulle altre varianti più famose. Nel manuale sono presenti in totale 49 esempi così suddivisi:

  • 23 mani riguardanti il Texas Hold’em Limit
  • 18 mani riguardanti il Texas Hold’em No Limit
  • 2 mani riguardanti il Texas Hold’em Pot Limit
  • 2 mani riguardanti l’Omaha Pot Limit
  • 4 mani riguardanti il Seven Card Stud.

I bluffs descritti da Matt Lessinger sono per lo più degli esempi generici, ma non mancano le mani storiche come quella del grande Bobby Baldwin, protagonista di un clamoroso bluff durante le World Series of Poker del 1978.

Il manuale è suddiviso in tre grandi capitoli basati su diversi tipi di bluff, da quelli per gli amanti del poker online, alla rappresentazione di una monster hand fino al classico attacco nei confronti di chi si dimostra debole.

Nel complesso, “The Book of Bluffs” è un buon libro che merita l’attenzione degli appassionati del poker e che può aiutarci a migliorare il nostro gioco, l’unico punto debole che è stato individuato dai critici è l’eccessiva focalizzazione sulle varianti limit, nelle quali – per esperienza collettiva dei poker players – i bluff raramente vanno a buon fine, proprio per la diversa struttura di gioco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>