WSOP, l’enigmatico Staszko mina vagante del final table

di Lillo Commenta

È il player più enigmatico dei tre giocatori che si contenderanno il braccialetto del Main Event alle Wsop e per questo è quello che suscita più curiosità. Martin Staszko, arriva dalla Repubblica Ceca e ha tanta voglia di stupire. È il primo player del suo Paese ad aver centrato questo traguardo e gioca a poker da poco più di un anno. Prima di tuffarsi nell’avventura del tavolo verde lavorava come operaio in una fabbrica d’automobili. Il suo bankroll non è quindi milionario (90 mila dollari nei tornei e 180mila vinti nel poker online). Gioca come chi non ha nulla da perdere e tutto da guadagnare, perché anche se venisse eliminato per primo porterebbe a casa 4 milioni di dollari: ma questa é anche la sua forza e per questo potrebbe rivelarsi il più temibile. Nonostante il chipcount dice che é il più corto dei finalisti: Pius Heinz ha infatti quasi 108 milioni di gettoni, Ben Lamb naviga a 55, Martin si ferma a 42,7. Staszko ha uno stile di gioco paziente e attendista (da esperto giocatore di scacchi quale egli è) e probabilmente seguirà anche nella battaglia decisiva questa tattica, sperando di rosicchiare fiches agli avversari ed eliminarli alla lunga distanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>