Libri del poker: “No Limit Hold’em Theory and Practice” di David Sklansky

di Redazione 1

Nel 2006, anno della consacrazione del Poker Texas Hold’em a livello mondiale, il più famoso statista del poker David Sklansky e una delle autorità più attendibili del campo quale Ed Miller unirono le forze e scrissero a quattro mani “No Limit Hold’em Theory and Practice”, libro destinato a diventare un vero cult tra i rounder di tutto il mondo.

Prima dell’anno 2000, gli appassionati del poker erano davvero penalizzati per quanto riguardava la pratica del Texas Hold’em, ma col passare del tempo questo sport è diventato sempre più praticato ed è quindi frequente trovare tornei anche casalinghi tra amici: ma la vera saggezza del tavolo verde si potrà davvero acquisire da poker players del nostro stesso livello?

Ecco quindi che ci vengono in aiuto il grande Sklansky e Miller, che promettono di aiutarci a diventare dei bravi rounders (almeno sulla carta!) e con una conoscenza pari ad un vero pro. Sebbene alcune parti risultino un po’ complesse per un profano in termini di matematica e statistica, la lettura di questo libro è davvero essenziale per riuscire a comprendere a fondo la meccanica del poker e poter migliorare il proprio gioco non soltanto sulla base dell’istinto e delle sensazioni personali ma anche potendosi appoggiare a una solida base teorica nel momento in cui questo sesto senso decidesse di abbandonarci.

310 pagine di pura saggezza di chi ha presentato il Texas Hold’em al mondo sotto una nuova veste, traducendo la casualità delle combinazioni delle carte in equazioni fatte di psicologia e calcoli delle probabilità.

Questi due guru ci guideranno in un viaggio attraverso le fiches e le carte insegnandoci ad amministrare in maniera perfetta il nostro stack e puntare di conseguenza, a leggere gli avversari, a riconoscere quali mani – anche se belle – faremmo meglio a foldare, a spingere i nostri avversari a giocare male e a portare un bluff fino in fondo con una perfetta faccia da poker. Grazie ai consigli di Sklansky e Miller, potremo essere in grado di uscire dalle situazioni più spinose e imparare a prendere le giuste decisioni.

“No Limiti Hold’em Theory and Practice” è un ottimo libro per giocatori di tutti i livelli, dal momento che considera tornei dal buy-in basso e tornei high stakes con lo stesso ordine di importanza, con l’unico obiettivo di rendere i poker players degni di questo ambizioso nome.

Commenti (1)

  1. Qui si parla di una bibbia del THE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>