WSOP, successi e campioni

di Luciana Commenta

Partecipare al World Series of Poker, il cosiddetto WSOP, è il sogno di ogni giocatore di poker. La manifestazione, da 40 anni si svolge a Las Vegas ed è il più lungo, il più concentrato e il più amplio evento di questo sport. Vi sono tornei per quasi tutte le varianti del poker, dal Texas hold’em, a Omaha7 card stud, 5 card stud, in livelli, buy-in e modalità diverse. E’ un prestigio notevole essere presenti al WSOP e poter raggiungere la vetta per l’ambito braccialetto. Moltissimi sono i giocatori che ogni anno si danno appuntamento a Las Vegas, non capita tutti i giorni di trovarsi nello stesso tavolo di campioni che hanno fatto la storia del poker.

Tra i nomi più importanti che hanno vinto il maggior numero di braccialetti, possiamo ricordare Jay Heimowitz, Layne Flack, T.J. Cloutier, Men “The Master” Nguyen che ne hanno vinti 6; Billy Baxter a quota 7; Erik Siedel ne ha 8; Johnny Moss ne ha 9; Johnny Chan e Doyle Brunson sono a quota 10 e Phil Helmuth ne ha conquistati 11.

Tra i nostri italiani ad aver toccato la vetta in America vi sono Max Pescatori con 2 braccialetti WSOP, Dario Minieri e Dario Alioto con 1 braccialetto WSOP. Ricordiamo anche i giocatori che hanno già gli ambiti braccialetti, il fresco di vincita Joe Hachem (in foto), Peter Eastgate, Greg Raymer, Chris Moneymaker, Chris Ferguson, Huck Seed e altri. Non è impossibile arrivare alla vetta, basta crederci e allenarsi ogni giorno al gioco con vari avversari e vari livelli.

Vincere un braccialetto è il top che si possa desiderare e apparentemente viene visto come un obiettivo irrangiungibile, ma non è in realtà così. Se si è bravi al poker si può osare e puntare in alto, l’ambizione aiuta a non mollare mai. Molti partono dal nulla e arrivano sul podio, come ad esempio Moneymaker che vincendo un satellite online di 39 dollari si ritrova milionario e vincitore. Cosa aveva lui? Ci ha creduto, è rimasto concentrato e ha fatto il suo gioco.

Conta molto il fatto di giocare bene, partecipate per esserci, i risultati vengono da sé. Esercitatevi online prima con soldi virtuali e poi reali, una volta che vi sentite pronti, iniziate ad iscrivervi ai vari tornei, dai più piccoli ai più grandi, vedrete che l’America non è poi così lontana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>