Full Tilt Poker, ancora brutte notizie: due avvocati chiedono di ritirarsi dall’incarico

di Lillo Commenta

Tanto per cambiare, arrivano notizie poco confortanti dagli Usa per una delle poker room più famose al mondo. E precisamente, le brutte notizie arrivano da uno dei due legali che in questi mesi post “Black Friday” hanno difeso la room di poker online Full Tilt. I due avvocati, Jeff Ifrah e David Deitv, che in questi ultimi mesi hanno rappresentato otto giocatori membri del Team Full Tilt Poker e cinque società del gruppo tra cui Tiltware o Pocket Kings, hanno presentato in questa ora una mozione presso il Tribunale Distrettuale degli Stati Uniti affinché gli venga concessa la possibilità di ritirarsi dall’incarico. Lo stesso Jeff Ifrah ha dichiarato in un secondo momento che tale decisione è stata presa in merito alla questione degli oneri finanziari, che per il proprio studio legale sono totalmente irragionevoli. Una notizia che ha schocato non poco oltreocenano e che é stata ripresa da tutti i più grandi media internazionali. Insomma, tutti coloro i quali in tutti questi mesi avevano affidato le loro sorti a Jeff Irah o David Deitv le proprie sorti, dovrà cambiare strategia e pensare bene prima di affidarsi nell’immediato ad altri studi legali, proprio come ha già provveduto a fare John Juanda che ha nominato a tutela dei propri interessi un altro legale. Altre cattive notizie arrivano inoltre dall’Arjel, anche se era quasi del tutto scontato che l’autorità dei giochi francese sospendesse nuovamente la licenza fino all’oramai prossimo 15 settembre, giorno in cui sarà finalmente deciso quale sarà il futuro della room di poker online di Full Tilt Poker. Ricordiamo infatti che il 15 settembre infatti è la data prevista per l’udienza, si spera definitiva, tra Full Tilt e l’Alderney Gambling Control Commission. Quello che sta per arrivare sarà di sicuro un giovedì di passione per i tanti giocatori di poker online, che non aspettano altro se non capire che fine faranno i loro conti gioco congelati da troppo tempo ormai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>